fbpx

Alimentazione in caso di patologie autoimmuni

Con il termine di malattie autoimmuni si intende un insieme di patologie che insorgono in seguito ad un “malfunzionamento” del sistema immunitario il quale aggredisce le proprie stesse cellule e tessuti non distinguendoli dai patogeni esterni.

Ad oggi, sono stati individuati più di 80 tipi diversi di patologie autoimmuni, ad esempio: artrite reumatoide, sclerosi multipla, rettocolite ulcerosa, celiachia, diabete tipo 1, tiroidite di Hashimoto, epatite autoimmune, vitiligine ecc. solo per citarne alcune.

Malattia autoimmune donna colite ulcerosa

Le malattie autoimmuni colpiscono nell’80% dei casi le donne. Questa prevalenza nel sesso femminile potrebbe essere legata sia a fattori ormonali sia a fattori genetici. E’ stato anche visto che, nella maggior parte dei casi, chi presenta una malattia autoimmune ha più probabilità di svilupparne delle altre per cui non è raro trovare soggetti, ad esempio, celiaci con anche una tiroidite di Hashimoto e così via.

Cause delle malattie autoimmuni

Al momento non sono ancora chiari i motivi per cui il sistema immunitario possa iniziare a rivolgersi a cellule, tessuti e/o organi del proprio organismo. Ciò nonostante, alcuni esperti sostengono che alcuni fattori favorenti possano essere:

  • predisposizione familiare;
  • alcune infezioni batteriche e virali;
  • contatti con determinate sostanze chimiche;
  • esposizione continuativa ad alcuni irritanti ambientali;
  • assunzione di alcuni farmaci.

Principali conseguenze della malattie autoimmuni

Le conseguenze principali delle malattie autoimmuni possono essere tre:

  1. distruzione parziale o totale degli organi/tessuti colpiti;
  2. crescita anormale degli organi/tessuti interessati;
  3. alterazione della funzione degli organi/tessuti coinvolti.

Terapie

Le malattie autoimmuni sono delle condizioni croniche per le quali, attualmente, non esistono delle terapie risolutive: i trattamenti ad oggi disponibili sono in grado solo di rallentarne il decorso, ma non portano a guarigione. 

Accanto alle terapie mediche è stato visto che una modificazione dello stile di vita verso abitudini sane migliora molto il decorso della patologia e la qualità della vita di una persona affetta da una o più patologie autoimmuni. Tra queste “abitudini sane” rientrano:

  • alimentazione equilibrata;
  • attività fisica regolare;
  • adeguato riposo;
  • riduzione dello stress;
  • integrazione di vitamine;
  • evitare il contatto con tutto ciò che potrebbe scatenare una reazione, come nel caso di patologie autoimmuni caratterizzate da rush cutaneo conseguente all’esposizione ad una data sostanza.

Alimentazione

Attraverso un’alimentazione corretta è possibile modificare il decorso delle malattie autoimmunitarie, ridurre l’intensità ed il numero dei disturbi fisici ad esse correlate, allungare i periodi di benessere, diminuire le fasi di riacutizzazione e migliorare la prognosi. Le indicazioni nutrizionali in casi di patologie autoimmuni mirano nel preferire delle preparazioni semplici, nella scelta di alimenti naturali limitando fortemente cibi conservati, nel consumare cibi ricchi di vitamine e di acidi grassi polinsaturi evitando, al contrario, alimenti ricchi di acidi grassi saturi.

In particolare, è consigliabile:

  • eliminare gli zuccheri semplici soprattutto se derivanti da alimenti confezionati quali biscotti, torte, gelati, merendine ecc. E’ preferibile consumare dei dolci fatti in casa sostituendo latte, uova, burro e zucchero con alternative più sane quali latte vegetale, creme di frutta secca 100%, miele, purea di frutta;
  • ridurre il consumo di glutine a causa dell’attività immunogenica della gliadina, dunque preferire cereali che ne sono privi come riso, quinoa, amaranto, miglio, grano saraceno;
  • limitare l’assunzione di acidi grassi saturi animali presenti soprattutto in alimenti come latte, formaggi, carne, uova, salumi;
  • ridurre il consumo di omega-6 (promuovono la sintesi di acido arachidonico e quindi hanno un’azione pro-infiammatoria) contenuti in alimenti quali margarina, maionese, olio di soia, olio di girasole, olio di mais;
  • aumentare il consumo di alimenti ricchi di omega-3 (acidi grassi polinsaturi con elevata capacità antinfiammatoria) contenuti soprattutto in noci, mandorle, nocciole, pesce azzurro, semi di lino, olio di lino, semi di zucca;
  • consumare giornalmente alimenti ricchi di vitamine A, C ed E che contrastano l’attività dei radicali liberi e stimolano la sintesi di molecole antinfiammatorie. La vitamina A è contenuta in: carote, peperoncino rosso, basilico, zucca gialla, pomodori. La Vitamina C in: peperoncini piccanti, ribes nero, ortica, prezzemolo, peperoni, arance, mandarini, limoni, kiwi, mango. La Vitamina E si trova in: nocciole, mandorle, germe di grano, olio extra vergine d’oliva, pinoli;
  • mantenere un peso nella norma, con BMI compreso fra 18.5 e 25, in quanto un eccesso di peso con aumento della % di massa grassa aumentano la produzione di radicali liberi e promuovono l’infiammazione dei tessuti;
  • svolgere attività fisica regolare che permette di mantenere una buona composizione corporea unitamente alla modulazione del tono dell’umore e dello stress.

Donna che svolge attività fisica in spiaggia per contrastare patologia autoimmune

Inoltre, può esse utile consumare regolarmente alimenti ricchi di molecole con attività antinfiammatoria, per esempio: 

  • tè verde, che contiene polifenoli;
  • curry, che è ricco di curcuma;
  • uva rossa, ricca di resveratrolo e polifenoli;
  • selenio, un minerale particolarmente utile nei soggetti con tiroidite di Hashimoto con azione immunomodulante e antinfiammatoria.